Home    

GLUGLU2000 GLUGLU2000 GLUGLU2000 GLUGLU MALTO MALTO

 

Giovedi 20 Aprile 2017

70° meeting GLUGLU 2000

‘‘ SINGLETON spring-dinner’’

 

( Un solo brand, tre distillerie )

       

      

        

Ristorante  Il Nuovo Bosco - Via delle Betulle, 7 -  Novedrate - Como - Tel.  031 791921

http://www.ilnuovobosco.it/

Nell’incantevole atmosfera della tenuta Il Nuovo Bosco Un raffinato menù primaverile appositamente studiato
Per privilegiare i prodotti del territorio Farà da contraltare ad una interessante selezione
Di delicati single malt provenienti Da tre diverse distillerie delle highland scozzesi:
Glendullan, Dufftown, Glen Ord.

 

= Le Bottiglie in degustazione =

Malt name

Region

Bottler

 

Ag

Dist.

Bottl.

%

Reperib.

1 Singleton of GLENDALLAN Speyside Distillery   12

 

2016

40

Buona

2 Singleton of DUFFTOWN Speyside Distillery   12

 

2007

40

Buona

3 Singleton of GLENDALLAN Speyside Distillery   15

 

2016

40

Buona

4 Singleton of GLEN ORD Speyside Distillery   15

 

2013

40

Scarsa

5 Singleton of GLEN ORD Speyside Distillery   18

 

2013

40

Scarsa

6 Singleton of DUFFTOWN Speyside Distillery Artisan Cask  

 

2015

40

Abb. Buona

=== Aperitivo a buffet ===

 

Coniglio in porchetta - Capresina scomposta

Prosciutto in morsa - Salame felino in tallone - Cesto pane misto e focacce

Singleton of GLENDULLAN 12 yo

 

=== Menù ===

   Tartare di manzo con crema di latte e chips di patate

Singleton of DUFFTOWN 12 yo

Riso Carnaroli Riserva, primavera con piccole verdure,mantecato al mascarpone e fave di cacao   

Singleton of GLENDULLAN 15 yo

  Filetto di vitello al punto rosa con zenzero e latte di cocco

Singleton of GLEN ORD 15 yo

Piccola selezione di formaggi affinata da “Luigi Guffanti” con miele, composte e pan brioches 

Singleton of GLEN ORD 18 yo

   Parfait agli agrumi di Sicilia, cioccolato croccante e salsa Gran Sole

Singleton of DUFFTOWN Artisan Cask

 

=== Tasting Notes ===

- 1 -

The Singleton 12-year-old

COLOUR: amber.
NOSE: we’re really in the ‘above-blends’ category, with touches of many things, such as marmalade, honey, pastries, malt, raisins, cake,
rose petals and grass. That makes that not much stands out, but also that the overall feeling is rather pleasant.
MOUTH: light but not weak, rather honeyed, with a good maltiness. An Ovaltine bar. Also roasted nuts, cake, raisins... It’s got something
of some good panettone, in a way.
FINISH: not that long but very balanced, always very malty, with a feeling of Guinness in the aftertaste. Did the owners...? Of course not!
COMMENTS: I think it’s a fine dram, it’s got something of the old Johnnie Walker Green Label.

Serge Valentine

 

- 2 -

The Singleton 12-year-old

COLOUR: gold.
NOSE: more presence than in the Glendullan, much more on honey, roasted nuts and cake, then orange blossom water and hints
of marshmallows. Rather pleasant but still quite light.
MOUTH: a little strange at the attack, curiously meaty and dusty/dirty. Onions cooked in sugar or honey? Some cardboard, liquorice, stout... Very strange malt.
FINISH: rather long, with more liquorice and cooked honey. Mead. A little better.
COMMENTS: an unusual one, that sometimes tastes like some mildly spicy Chinese dish.

Serge Valentine

 

- 3 -

The Singleton 15-year-old

COLOUR: full gold.
NOSE: A chocolate note introduces concentrated fruit, spiced with cinnamon. There’s milky coffee too, with just a trace of beeswax
MOUTH: Vanilla becomes more pronounced in the mid-palate then lightly tightens its grip as a spiced edge comes through with coriander,
pepper and lemon
FINISH: Smooth, with light toasty oak, which becomes more mellow if water is added. Well balanced, with the peppery spice leaving a
spicy tingle and a creamy, violet-scented aftertaste

Diageo official tasting notes

 

- 4 -

The Singleton 15-year-old

COLOUR: deep gold.
NOSE: yes, yes, and yes. It is the most Glenordlan, with these pies and salads and jams. Made out of orchard fruits. Apples, plums, pears, apricots... There’s also some honey, orange blossom, lime blossom tea, honey... And almond oil. Like! (yes we’ll keep this short).
MOUTH: very good. Beats the official 18, no question. Waxy fruits and herbal teas, plus a perfect maltiness. Only the thinnish body’s a
little frustrating, despite the wax, bottling at 40% should have become streng verboten.
FINISH: not that short. Malt, green tea, waxy fruits. Perhaps a little smoke in the aftertaste.
COMMENTS: don’t try this one before the NAS ‘Signature’, I say it as a friend

Serge Valentine

 

- 5 -

The Singleton 18-year-old

COLOUR: copper gold.
NOSE: less malty and oaky, but almost as dry as the NAS, rather on herbal teas this time. Eucalyptus, mint, pinesap, then bitter oranges and a combination of leather and tobacco plus walnuts that hints at sherry. A wee dustiness, perhaps?
MOUTH: ah, yes, Glen Ord! The strength is low but the spirit’s relatively fat, and fills your mouth with some kind of waxy orange liqueur,
green tea, and quite some grass. Tree bark, fresh walnuts, strong honey, a metallic touch (silver spoon), and then a dry maltiness.
FINISH: medium, dry, maltier again. Like the aftertaste on honeydew.
COMMENTS: I think I enjoyed the brighter 15 even better, but this is fine. And seriously, the Victorian bottle looks terrific.

Serge Valentine

 

- 6 -

The Singleton Artisan

COLOUR: gold.
NOSE: a similar style, but this is better rounded, and rather more herbal. Warm butter, walnut cake, finger cakes, quite a lot of chamomile, whiffs of old chardonnay barrel, some rubbed leaves (fern?)... In truth I find this rather complex and subtle. Like.
MOUTH: it Is good whisky. Herbal and slightly phenolic, with drops of smoked tea, then rather Seville oranges, raisins, honeydew, a touch of sandalwood, ripe greengages and mirabelles. So it’s easy and rather subtle at the same time. Not even the low strength is problematic.
FINISH: a little short, but delicately honeyed. Pencil shavings again in the aftertaste, but nothing to worry about (too much). Ovaltine and a little chlorophyll.
COMMENTS: I find it good and relaxing. Mucho quaffable.

Serge Valentine

 

Le distillerie

********************

 GLENDULLAN

        

La distilleria è una delle sette che sorge nella cittadina di Dufftown, sulle rive del fiume Fiddich non lontano dalla Mortlach e dalla Glenfiddich.
Attualmente, con sei alambicchi,è una delle piu’ampie distillerie di Diageo, ricostruita nel 1972 accanto al vecchio edificio che ha cessato
la produzione nel 1985. Il malto qui prodotto è quasi completamente dedicato al blending dei famosi brands del gruppo. Fornisce alla ricetta
una nota vegetale, erbacea e fruttata. Questo tipico carattere viene fornito da una fermentazione molto lunga (75h in un mix di tini in legno
ed in acciao inox) e da una lenta distillazione. Proprio nel mercato italiano, agli inizi degli anni !90 ( e quindi all’inizio della mia mania di
collezionare ) è comparso un ormai rarissimo imbottigliamento originale di 8yo, prontamente acquistato alla Bennet al modico prezzo
di 9.500 lire. Negli stessi anni è poi uscita la versione Flora&Fauna 12yo e ben cinque edizioni della serie Rare Malts a gradazione piena.
Attualmente la linea SINGLETON of GLENDULLAN, lanciata nel 2007 per il mercato Americano include le versioni: 12yo, 15yo
(entrambe in degustazione stasera), 18yo, Classic, Doublé Matured, Liberty, Master’s Art. A partire dallo scorso anno il Singleton of Glendullan
è reperibile anche in tutti gli aeroporti europei.

ALCUNE CARATTERISTICHE

Proprietario distilleria: Diageo Fondazione nel 1897
Produttività annua: 5.000.000 litri
% venduta come single malt: 15 %
Presente nei blended: Johnnie Walker,Dewars, Bell’s, Black & White,
Old Parr Presente nel Blended Malt: Cardow

********************

DUFFTOWN

        

La distilleria venne costruita nel 1896 al posto di un mulino. Ancora oggi conserva l’originale costruzione in pietra con le caratteristiche pagode.
Alla fine degli anni ’60 il pavimento di maltazione venne rimosso e gli alambicchi passarono da 2 a 4, per poi diventare 6 qualche anno dopo.
Nei primi anni ’70 produceva un single mali abbastanza conosciuto ma poi si è sempre limitata a fornire uno dei componenti principali
per i blend della Bell’s caratterizzato dal sapore tipico di noce e malto. In anni più recenti si è verificato un lieve cambiamento nel tipo di whisky
prodotto, oggi più leggero e dall’aroma più erbaceo. Riguardo agli imbottigliamenti ufficiali, dopo il 15yo della serie Flora&Fauna degli anni ’90,,
si è passati nel 2006 alla nuova serie denominata SINGLETON of DUFFTOWN che contempla varie versioni : 12yo, 15yo, 18yo, Unitè, Tinitè,
Spey Cascade, Tailfire, Sunray, Artisan Cask. Il primo e l’ultimo di questi imbottigliamenti saranno in degustazione questa sera ed avremo modo
di apprezzare uno dei recenti prodotti di Diageo che sta avendo un incredibile successo commerciale. Sommando le vendite delle tre diverse
distillerie, l’unico brand SINGLETON ha raggiunto il quinto posto nella classifica dei single mah più venduti. SINGLETON of Dufftown è da
sempre venduto nel mercato Europeo

ALCUNE CARATTERISTICHE

Proprietario distilleria: Diageo
Fondazione:
1896
Produttività annua:
6.000.000 litri
% venduta come single malt:
25 %
Presente nei blended:
Bell’s, Johnnie Walker, The Real Mackenzie.

********************

GLEN ORD

        

La distilleria fondata nel 1938, sorge a Muir of Ord, in un’area anticamente conosciuta per i ‘ moonshiners’: i produttori illegali di alcool.
Attualmente è una delle pochissime distillerie che effettua totalmente la maltazione in loco. Si è passati dalla maltazione tradizionale,
fino al 1961, a quella col ‘Saladin-boxes’, per poi passare al ‘Drum malting’ nel 1968. Oggi tutto il malto delle distillerie Diageo del nord,
Talisker inclusa, viene prodotto qui. Nella riccetta Glen Ord il malto è leggermente affumicato e fornisce maggior complessità alle tipiche
note di toffee, ginger e spezie. Nel 2014 la capacità produttiva è stata raddoppiata arrivando a 10 M di litri al 1980 il malto qui prodotto
è disponibile sul mercato ma c’è stata parecchia confusione con il brand: Glen Ord, Glenordie, Ordie, Ord, Muir of Ord. Dal 2007 la versione
ufficiale confluisce nella serie SINGLETON of GLEN ORD che prevede : 12yo, 15yo, 18yo ( stasera in degustazione ) ed altre versioni speciali.
Purtroppo questo ottimo malto è largamente distribuito nel mercato del Far-East ed è abbastanza difficile da recuperare in Europa.
Esiste però una soluzione alternativa per degustare questo meritevole prodotto: recarsi presso la distilleria, che possiede un ottimo
visitor-centre e selezionare il tour che prevede gli assaggi direttamente dalle botti ( chiedere a GLEN MAUR e CAVALMORE )

ALCUNE CARATTERISTICHE

Proprietario distilleria: Diageo
Fondazione:
1838
Produttività annua:
11.000.000 litri
% venduta come single malt:
20 %
Presente nei blended:
Johnnie Walker, Dewars, Watson’s No 10

********************

Glen Maur GLUGLU 2000 Novedrate 20-04-2017

 

 

Anno 2017 Prossimi incontri Tasting

                                      Come contattarci
                                    Per comunicazioni gluglu2000@tin.it        info@gluglu2000.it
                                   Webmaster: claudiocast@tin.it 
                                       Ultimo aggiornamento: 01 - 05 - 2017

Google